Frasi del libro "Intelligenza emotiva per un figlio. Una guida per i genitori"



Intelligenza emotiva per un figlio. Una guida per i genitori
John Gottman, Joan Declaire




Compralo su Amazon


1

“Il fine ultimo dell'educazione dei figli non dovrebbe consistere meramente nell'ottenere un individuo docile e obbediente.”

   

John Gottman


2

“Quando i genitori offrono empatia ai loro figli e li aiutano ad affrontare sentimenti negativi come la collera, la tristezza e la paura, gettano tra sé e loro un ponte de lealtà e attaccamento”

   

John Gottman


3

“La docilità, l'obbedienza e la responsabilità derivano da un senso di amore e di interdipendenza che il bambino percepisce all'interno della famiglia.”

   

John Gottman


4

“La chiave per essere genitori di successo non si trova in teorie complesse, in regole familiari elaborate o in contorte formule comportamentali. Essa si trova nei sentimenti più profondi di amore e di affetto per i figli, e si dimostra semplicemente, attraverso l'empatia e la comprensione.”

   

John Gottman


5

“L'essenza dell'essere genitori consiste nell'esserci in modo particolare, quando esserci conta davvero.”

   

John Gottman


                          Libri gratis su Amazon.it

6

“I ricercatori hanno constatato che, più del Qi, sono la consapevolezza emotiva e la capacità dei padroneggiare i sentimenti a determinare il successo e la felicità in tutti i campi dell'esistenza, inclusi i rapporti familiari.”

   

John Gottman e Joan Declaire


7

“La vita familiare è la prima scuola nella quale apprendiamo insegnamenti riguardanti la vita emotiva.”

   

Daniel Goleman


8

“É nell'intimità familiare che impariamo come dobbiamo sentirci riguardo a noi stessi e quali saranno le reazioni degli altri ai nostri sentimenti; che cosa pensare su tali sentimenti e quali alternative abbiamo per reagire; come leggere ed esprimere speranze e paure. ”

   

John Gottman e Joan Declaire


9

L'educazione emozionale opera non solo attraverso le parole e le azioni dei genitori indirizzate direttamente al bambino, ma anche attraverso i modelli che essi gli offrono mostrandogli come agiscono i propri sentimenti e la propria relazione coniugale.

   

John Gottman e Joan Declaire


10

“Allevare un figlio non è tanto il processo di conquista della volontà di un bambino; è più una questione di esercitare questa volontà, guidarla su sentieri adatti, insegnarle a conformarsi alla realtà esterna e a socializzare.”

   

DeMause



11

“I sociologi hanno scoperto, ad esempio, che sin dalla nascita i bambini hanno una sorprendente capacità di apprendere comportamenti sociali ed emotivi dai loro genitori.”

   

John Gottman e Joan Declaire


12

“La solidità di un matrimonio influisce sul benessere della prole e vediamo un potenziale notevolissimo nel fatto che i padri si lascino maggiormente coinvolgere nella vita dei loro figli.”

   

John Gottman e Joan Declaire


13

“Mentre non tutti i comportamenti sono accettabili, tutti i sentimenti e i desideri lo sono. Di conseguenza, i genitori dovrebbero porre dei limiti agli atti dei figli, ma non alle loro emozioni o ai loro desideri.”

   

Haim Ginott


14

“Dato che i bambini sono privi di risorse, imparano dalle nostre risposte al loro disagio che l'emozione ha una direzione e che è possibile passare da sentimenti intensa tensione, ira, paura, a sensazioni di agio e di protezione.”

   

John Gottman e Joan Declaire


15

“IL primo passo che i genitori possono fare per allevare figli emotivamente intelligenti è comprendere il proprio stile educativo, il modo in cui affrontano le emozioni dei figli e capire come ciò influisce su di loro.”

   

John Gottman e Joan Declaire



16

“La strada per diventare un genitore migliore - come ogni cammino che porti a una crescita personale e all'impadronirsi di una capacità nuova - comincia con un autoesame.”

   

John Gottman e Joan Declaire


17

“I genitori allenatori pongono loro dei limiti, e inviano loro messaggi chiari su ciò che è un comportamento accettabile e su ciò che non lo è. ”

   

John Gottman e Joan Declaire


18

“Nella sua forma di base, l'empatia è la capacità di sentire quel che sente un'altra persona. In quanto genitori empatici, quando vediamo i nostri figli in lacrime possiamo immaginarci al loro posto e sentire il loro dolore.”

   

John Gottman e Joan Declaire


19

“Come può essere tanto forte quest'empatia? Io credo che ciò avvenga perché l'empatia permette ai ragazzi di vedere i loro genitori come alleati.”

   

John Gottman e Joan Declaire


20

“Ecco come funziona l'empatia. Quando cerchiamo di comprendere l'esperienza dei nostri figli, essi si sentono appoggiati da noi. Sanno che siamo dalla loro parte. Quando evitiamo di criticarli, sminuendo i loro sentimenti, o cercando di distrarli dai loro reali obiettivi, ecco che ci permettono di entrare nel loro mondo.”

   

John Gottman e Joan Declaire



21

“L'empatia non è altro che la capacità di mettersi nei panni dei propri figli, e rispondere di conseguenza. Ma solo perché l'empatia è un concetto semplice, non significa che sia sempre facile da praticare.”

   

John Gottman e Joan Declaire


22

“I genitori dovrebbero fare un passo indietro anche quando si sentono sul punto di fare o dire qualcosa di distruttivo, come insultare o picchiare il figlio.”

   

John Gottman e Joan Declaire


22

“Quando sentite  che il vostro cuore si unisce a quello di vostro figlio, quando vi accorgete di provare quello que prova vostro figlio, ecco che state provando l'empatia.”

   

John Gottman e Joan Declaire


23

“Si dice che in cinese l'ideograma che rappresenta l' "opportunità" sia inscritto in quello che significa "crisi".”

   

John Gottman e Joan Declaire


24

“Le esperienze negative possono costituire una straordinaria opportunità per empatizzare, costruire intimità con i nostri figli e insegnare loro come fare a padroneggiare i sentimenti.”

   

John Gottman e Joan Declaire


25

“Rivolgere l'attenzione a sentimenti di intensità ancora controllabile prima che deflagrino, dà alle famiglie la possibilità di esercitarsi nell'ascolto e nell'abilità di risolvere i problemi quando ancora sono modesti.”

   

John Gottman e Joan Declaire



26

“Studi specifici indicano che l'atto di dare un nome alle emozioni ha di per sé un effetto rasserenante sul sistema nervoso, e aiuta i ragazzi a ricuperare più in fretta dalle situazioni di turbamento.”

   

John Gottman e Joan Declaire


27

“Il mio consiglio ai genitori, quindi, è di aiutare i figli a trovare le parole per descrivere quel che stanno provando. Ciò non significa suggerire ai bambini quel dovrebbero sentire. Significa semplicemente aiutarli a sviluppare un vocabolario con cui esprimere le loro emozioni.”

   

John Gottman e Joan Declaire


28

É importante che i bambini capiscano che il problema non é nei sentimenti, ma nei comportamenti. Tutti i sentimenti e tutti i desideri sono accettabili, ma non tutti i comportamenti lo sono.

   

Haim Ginott


29

“Se diciamo a un bambino come dovrebbe sentirsi, ciò gli farà perdere la fiducia nei sentimenti che prova, una situazione che lo porterà a dubitare di se stesso e a una diminuzione della stima di sé.”

   

John Gottman e Joan Declaire


30

“I ragazzi rispondono meglio se le conseguenze sono concrete, lealmente definite e connesse direttamente al cattivo comportamento.”

   

John Gottman e Joan Declaire



31

“Picchiare i figli insegna loro, ad esempio, che l'aggressione è un modo corretto per ottenere quel che si vuole.”

   

John Gottman e Joan Declaire


32

“Una tecnica per incoraggiare la crescita del bambino mentre siete intenti a elaborare soluzioni è stabilire dei rapporti tra i "trionfi" passati e quelli futuri. Potete ricordargli un obiettivo già raggiunto e poi incoraggiarlo a visualizzarlo, cercando di ottenere qualcosa di nuovo con un successo analogo.”

   

John Gottman e Joan Declaire


33

“I figli guardano ai genitori per trovare la propria identità e tendono a credere a tutto quello che i genitori dicono su di loro.”

   

John Gottman e Joan Declaire


34

“Proporre una soluzione a un problema prima di empatizzare con i figli é come cercare di costruire una casa senza gettare le fondamenta.”

   

John Gottman e Joan Declaire


35

“Oltre a promuoverne il senso di responsabilità, offrire ai bambini la possibilità di scegliere li aiuta a costruire la propria autostima.”

   

John Gottman e Joan Declaire


                        Libri di Haim Ginott

36

“Principi fissati da Haim Ginott: 1) tutti i sentimenti sono permessi, ma non tutti i comportamenti lo sono; 2) il rapporto genitori-figli non é una democrazia. É il genitore che determinaa quale comportamento é permesso.

   

Haim Ginott


37

“Quando un figlio ha un forte legame emotivo con il genitore, l'inquietudine, la delusione o la collera del genitore creano in lui un dolore tale da trasformarsi in un fattore di disciplina.”

   

John Gottman e Joan Declaire


38

“Ha poca importanza che una coppia sia sposata, separata o divorziata: quando una madre e un padre manifestano ostilità e disprezzo l'uno per l'altra, i figli ne soffrono”

   

John Gottman e Joan Declaire


39

“Come un albero é influenzato dalla qualità dell'aria, dell'acqua e del suolo, così i la salute emotiva dei bambini è determinata dalla qualità dei rapporti intimi che li circondano.”

   

John Gottman e Joan Declaire


40

“Le interazioni reciproche dei genitori con i figli influenzano gli atteggiamenti, i risultati da loro conseguiti, la loro capacità di padroneggiare le emozioni e di andare d'accordo con gli altri. In generale, quando i genitori si appoggiano e si aiutano l'un l'altra, l'intelligenza emotiva dei figli fiorisce.

   

John Gottman e Joan Declaire



41

“Noi oggi sappiamo che non é il conflitto tra i genitori in se stesso a nuocere ai figli, ma il modo in cui i genitori affrontano le loro dispute.”

   

John Gottman e Joan Declaire


42

“Infine, abbiamo scoperto che il percorso da seguire per essere un bravo genitore é lo stesso che porta a migliorare il matrimonio. Lo stesso stile interpersonale che i genitori praticano con i figli - consapevolezza emotiva, empatia, disponibilità a risolvere insieme i problemi - risulta efficace per il matrimonio.”

   

John Gottman e Joan Declaire


43

“La grande tragedia educativa del nostro tempo è che molti ragazzi americani vanno male a scuola non perché sono intellettualmente o fisicamente menomati, ma perché sono impediti emotivamente... Gli insegnanti notano che molti bambini sono emotivamente instabili, così turbati e preoccupati dai drammi che esplodono nelle loro famiglie da non riuscire a concentrarsi su argomenti così banali come le tabelline.”

   

Barbara Dafoe Whitehead


44

“Le coppie che sanno esprimere apertamente le proprie inevitabili differenze e sanno convivere rispettandole hanno a lungo andare rapporti più felici.”

   

John Gottman e Joan Declaire


45

“Inoltre gli studi dimostrano che i figli possono trarre giovamento dall'assistere a un certo genere di conflitti familiari, particolarmente quando i genitori esprimono il loro disaccordo in maniera rispettosa e quando risulta chiaro che stanno sforzandosi di trovare una soluzione.”

   

John Gottman e Joan Declaire



46

“La chiave è gestire il conflitto con l'altro genitore in maniera che possa diventare un esempio positivo piuttosto  che un'esperienza dannosa per il figlio”

   

John Gottman e Joan Declaire


47

“Tra lamentarsi e criticare c'è una differenza cruciale. Le lagnanze hanno di mira un comportamento specifico, mentre la critica attacca il carattere di una persona.”

   

John Gottman e Joan Declaire


48

“La critica è spesso espressione di frustrazione covata in silenzio e di collera repressa. Uno dei due coniugi "soffre in silenzio", mentre l'altro rimane indifferente alla crescente irritazione del partner.”

   

John Gottman e Joan Declaire


49

“Affrontate i conflitti e i problemi appena sorgono. Non aspettate quando siete così arrabbiati od offesi da non poterne più.”

   

John Gottman e Joan Declaire


50

“Il vostro compagno vi rivolge un insulto e, invece di negarlo e si scagliare a vostra volta un insulto ai suoi danni, trovate un nocciolo di verità nell'affermazione e vi limitate per un attimo a rifletterci. Potreste rispondere: " Non mi sono mai reso conto che tu avessi sentimenti così forti a questo riguardo. Parliamone un po' ".”

   

John Gottman e Joan Declaire



51

“Quando un coniuge usa un figlio come una palla per colpire l'altro, è il figlio a perdere la partita.”

   

John Gottman e Joan Declaire


52

“Se vi è possibile farlo con sincerità, cercate piuttosto di concentrare l'attenzione sugli aspetti costruttivi dei vostri conflitti.”

   

John Gottman e Joan Declaire


53

“I genitori che rispondono in maniera tranquillizzante ai bambini irritati insegnano loro cose importanti. Innanzitutto i bambini imparano che le proprie emozioni negative hanno un effetto sul mondo circostante: loro piangono e i genitori rispondono. In secondo luogo, imparano che è possibile riacquistare la serenità dopo aver sperimentato forti emozioni.”

   

John Gottman e Joan Declaire


54

“Ricordatevi che potete aiutare vostro figlio a sentirsi più sicuro e più emotivamente legato a voi, esprimendo la vostra comprensione dei suoi pensieri e sentimenti.”

   

John Gottman e Joan Declaire


55

“Quando i figli assistono a un litigio tra i genitori, è necessario aiutarli a superare il disagio facendoli assistere anche alla soluzione del contrasto.”

   

John Gottman e Joan Declaire



56

“Anche se i bambini non capiscono bene la risoluzione verbale del conflitto, possono sentirsi confortati vedendo che mamma e papà si scambiano un sincero abbraccio di riconciliazione e di perdono.”

   

E. Mark Cummings


57

“Se pensate che vostro figlio vi abbia veramente trattato in maniera scortese, diteglielo in termini precisi( "Quando prendi in giro i miei capelli, mi sembra che tu mi manchi di rispetto").”

   

John Gottman e Joan Declaire


58

“Per allevare un bambino ci vuole un intero villaggio.”

   

Proverbio popolare